SULLA CICLOPISTA DELLA VALSUGANA

 La ciclopista della Valsugana, che collega la splendida Bassano del Grappa con il cristallino Lago di Caldonazzo è un vero e proprio paradiso per tutti gli appassionati delle due ruote a pedali: 80 km lungo i quali si intrecciano
cultura, storia e paesaggi naturali davvero unici a cavallo tra Trentino e Veneto. Due regioni legate da un passato storico condiviso e contraddistinte da un comune “ elemento fluviale” che accarezza dolcemente il fondovalle: il fiume Brenta. Le sue acque vi accompagnano lungo un percorso “quasi” pianeggiante, adatto a tutti, adulti e bambini, per trascorrere piacevoli ore in libertà all’insegna dello sport e del contatto con la natura. La ciclo escursione partirà da dal parcheggio Birreria Cornale località Valstagna, passando per Tezze, Grigno; per il al centro storico di Borgo Valsugana. Si prosegue per Novaledo, si sfiora Levico Terme e si arriva al Lago di Caldonazzo. Si ritorna per lo stesso percorso: sempre su pista ciclabile. All’andata in leggera e continua salita (350 mt di dislivello distribuiti su 45 km!), il ritorno ovviamente in leggera e continua discesa. e poi in bici fino al Lago di Caldonazzo e ritorno, per un totale di circa 95 km.

Related posts

Basilicata Sasso Selvaggio

Basilicata Sasso Selvaggio

Sasso Selvaggio Da Matera alle Piccole Dolomiti Lucane e ritorno, passando per alcuni dei paesaggi più incredibili e meno conosciuti dello stivale. Fino ad arrivare tra boschi e calanchi, dove secondo Carlo Levi Cristo si è fermato. A guardare Per la maggioranza degli italiani...

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Con partenza dalla piazza di Carnia si pedala fino a  Moggio Udinese si imbocca la Val Aupa, iniziando a risalire l'omonimo corso d'acqua, pedalando sulla tranquilla SP112, che ci porta verso Pradis . Il primo tratto della vallata si percorre facilmente, attraversando...

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini: alcuni sono arrugginiti, ma a Reana lo storico “Segàt” è ancora produttivo Alcuni sono fermi e preda della ruggine, altri girano ancora, anche se soltanto a beneficio degli occhi. I mulini di Reana del Rojale, non sono più il regno di mugnai e fabbri. Con...