SALITA AL MONTE MANGART

Il monte Mangart è la terza cima della Slovenia; con i suoi 2679 metri di altezza domina il panorama circostante, dai laghi di Fusine al passo Predil.  E’ la strada più alta di tutta la Slovenia.Il percorso si dirama dalla strada di valico tra Italia e Slovenia presso il passo del Predil, e potete imboccarla arrivando dal lago omonimo in territorio italiano oppure da Bovec, in Slovenia. E’ una strada senza uscita, arrivati in cima troverete un anello e dovrete ritornare indietro.Nel 2004 una frana, causata da piogge eccezionali, ricoprì completamente il primo tratto del percorso. La strada non fu sgombrata ma venne costruita una variante sull’altro lato del torrente che taglia la vallata iniziale; poco dopo l’inizio della salita, attraversato il ponte, vedrete chiaramente la montagna franata alla vostra sinistra e il tratto di asfalto ancora sepolto.La pendenza è abbastanza costante, piuttosto forte in certi tratti ma fattibile per chi è allenato; si inizia con un tornante e poi un lungo rettilineo immerso nel bosco, che ci conduce alla stazione del pedaggio. Solo i mezzi a motore pagano, le biciclette passano gratis! Per questo motivo non troverete moltissimo tra!co (evitate però i week-end), e potrete godervi il silenzio della montagna.Continuando la salita si attraversa una zona di pascolo da cui, guardandovi indietro, è possibile ammirare la vallata sottostante. In breve tempo si arriva alle prime gallerie: non sono molto lunghe, ma non essendo illuminate sono assolutamente consigliati un faretto anteriore e una luce rossa posteriore. Nei tratti aperti non ci sono protezioni al lato della strada, quindi attenzione ai veicoli, specialmente in curva.Il paesaggio cambia all’uscita di ogni tunnel, diventando sempre più roccioso e imponente. Terminata anche l’ultima galleria vi ritroverete in uno spazio ampio, alto, circondati dalle cime delle Alpi Giulie e dalla cupola del Mangart, ormai ben visibile. Inutile dire che le foto non rendono assolutamente l’idea!A questo punto la strada diventa un circuito a senso unico da percorrere in senso antiorario, serve solo un ultimo sforzo per arrivare alle pendici del monte e parcheggiare la bicicletta vicino all’area di sosta. Da qui, con una breve camminata di un centinaio di metri, potete ammirare dalla forcella Lavinia la vista mozzafiato dei laghi di Fusine sottostanti. A questo punto potete vestirvi per la discesa.

Related posts

Basilicata Sasso Selvaggio

Basilicata Sasso Selvaggio

Sasso Selvaggio Da Matera alle Piccole Dolomiti Lucane e ritorno, passando per alcuni dei paesaggi più incredibili e meno conosciuti dello stivale. Fino ad arrivare tra boschi e calanchi, dove secondo Carlo Levi Cristo si è fermato. A guardare Per la maggioranza degli italiani...

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Con partenza dalla piazza di Carnia si pedala fino a  Moggio Udinese si imbocca la Val Aupa, iniziando a risalire l'omonimo corso d'acqua, pedalando sulla tranquilla SP112, che ci porta verso Pradis . Il primo tratto della vallata si percorre facilmente, attraversando...

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini: alcuni sono arrugginiti, ma a Reana lo storico “Segàt” è ancora produttivo Alcuni sono fermi e preda della ruggine, altri girano ancora, anche se soltanto a beneficio degli occhi. I mulini di Reana del Rojale, non sono più il regno di mugnai e fabbri. Con...