L’EROICA

 Il percorso de “L’ Eroica” percorre alcune delle più belle strade della zona del Chianti senese, della Val d’Arbia e della Val d’Orcia (attraversando paesi colmi di storia come Montalcino, Murlo, Buonconvento, Asciano non dimenticandosi di Siena); ma il clou è rappresentato dai quei tratti di strade bianche ancora esistenti che attraversano le dolci colline senesi, ci regalano paesaggi indimenticabili.

Giovedì 13 Aprile 2017 – Partiamo in auto per Radda in Chianti e dopo aver trovato un adeguato agriturismo dedichiamo il resto della giornata per la visita di Siena.

fotolibro eroica_Pagina_04

Venerdì 14 aprile 2017 – Abbondante colazione all’aperto. La giornata si presenta fin dal mattino bella e soleggiata e partiamo subito in bicicletta. Il percorso inizia subito con un saliscendi in mezzo alla campagna e in parte sterrato. Prima tappa la cittadina di Gaiole in Chianti dove all’ufficio informazioni ci forniscono di una bella cartina dettagliata dei vari percorsi dell’Eroica con le varie altimetrie.Di nuovo in sella. Non possiamo proseguire senza una sosta al borgo di Vertine  e poi a Spaltenna. Passato Meleto con il suo castello, si segue il percorso alternativo proposto dalla cartina che ci porta verso Brolio, splendido castello circondato da vigneti che qui la fanno da padroni. Questa zona è particolarmente ricca di castelli, siamo infatti nel territorio della medievale Lega del Chianti, baluardo fiorentino ai confini con il territorio senese. Torniamo in sella e tratti asfaltati si alternano a tratti sterrati e attraverso la val d’Arbia arriveremo a Murlo , uno splendido esempio di città arroccata nel cuore della Val d’Orcia dalla quale si domina tutta la vallata. A Vedovado di Murlo pernottiamo per la notte.fotolibro eroica_Pagina_21

Sabato 15 aprile 2017 – Alle 8.30 siamo pronti a ripartire. Ci dirigeremo verso il paese di Montalcino uno splendido esempio di città arroccata nel cuore della Val d’Orcia dalla quale si domina tutta la vallata, passando per la meravigliosa strada di Castiglion del bosco. Il percorso è sempre in un continuo saliscendi in parte sterrato. L’itinerario è sempre molto ben segnalato: ogni 5 Km c’è il cartello riepilogativo col chilometraggio e le distanze relative alle tappe successive. Dopo una sosta con visita di Montalcino riprendiamo la corsa attraversando un tratto non molto panoramico immerso in una fitta boscaglia. Il percorso prosegue con un lungo sterrato che attraversando la Val d’Orcia ci porterà a Buonconvento, dove pernotteremo per la notte.

Domenica 17 aprile 2017 – Partiamo di buonora. La sera ha piovuto ma anche questa mattina il cielo è sereno. Il percorso è sempre molto panoramico ed entusiasmante. Arrivati ad Asciano saliamo per la visita del Santuario del Monte Oliveto. La salita è molto affascinane per i panorami che di volta in volta incontriamo. Anche il Santuario è molto bello e frequentato. Riscendiamo quindi ad Asciano e siamo pronti ad intraprendere un’altra salita verso la località di Rapolano Terme, dove pernotteremo in località Boscodisotto.fotolibro eroica_Pagina_16

 

Lunedì 18 aprile 2017 – La tappa odierna segna l’ingresso nell’area del Chianti Classico ed è forse la più affascinante e bella dell’intero percorso. Le biancane e le calanche delle Crete lasceranno piano piano spazio al verde rigoglioso dei vigneti del Chianti in una tappa ricca di saliscendi e cambiamenti di paesaggi meravigliosi, passando per i borghi di Castelnuovo Barardenga, San  Piero, Canonica e arrivo alla nostra meta finale a Radda in Chianti.

Martedì 19 aprile 2017 – Dopo colazione, siamo pronti a ritornare a casa.

Related posts

Basilicata Sasso Selvaggio

Basilicata Sasso Selvaggio

Sasso Selvaggio Da Matera alle Piccole Dolomiti Lucane e ritorno, passando per alcuni dei paesaggi più incredibili e meno conosciuti dello stivale. Fino ad arrivare tra boschi e calanchi, dove secondo Carlo Levi Cristo si è fermato. A guardare Per la maggioranza degli italiani...

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Con partenza dalla piazza di Carnia si pedala fino a  Moggio Udinese si imbocca la Val Aupa, iniziando a risalire l'omonimo corso d'acqua, pedalando sulla tranquilla SP112, che ci porta verso Pradis . Il primo tratto della vallata si percorre facilmente, attraversando...

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini: alcuni sono arrugginiti, ma a Reana lo storico “Segàt” è ancora produttivo Alcuni sono fermi e preda della ruggine, altri girano ancora, anche se soltanto a beneficio degli occhi. I mulini di Reana del Rojale, non sono più il regno di mugnai e fabbri. Con...

Leave a comment