Ciclovia  WiVe  

 

Ciclovia  WiVe  da Wienna a Venezia .

Un viaggio per unire il gusto tra natura e cultura. 
Facilmente raggiungibile con il treno OBB austriaco, siamo arrivati comodamente a Vienna con un treno diretto da Pordenone.
Tappe principali sono state Vienna, Linz, Salisburto Innsbruck, il passo del Brennero e le città italiane di Bressanone, Bolzano,
Trento, Bassano del Grappa e Venezia seguendo i corsi dei  fiumi Danubio, Traun,  Saalach, Inn, Isarco e Adige.
Il percorso in bicicletta è partito il primo giorno da Vienna e siamo saliti subito alla collina del Grinzing, il borgo vinicolo viennese e da qui siamo scesci alla cittadina di  Klostemburg, dominata da una imponente abbazia.  Abbiamo continuato  poi  lungo l’imponente fiume Danubio attraverso la meravigliosa Wachau, una regione dell’Austria che regala splendidi paesaggi naturali punteggiati da numerosi frutteti e vigneti dai quali nascono vini e liquori caratteristici. Seguendo sempre il Danubio si arriva a Krems, un antico centro danubiano immerso nei vigneti, dove ha termine il primo giorno con circa 100 km percorsi.

2^ tappa:Da Krems a Wallsee – km. 100. Giornata ideale per pedalare con temperatura mitigata da una piacevole brezza. Paesaggio interessante lungo il Danubio, immersi nei vigneti e costellato di bei paesini che si affacciano sul fiume. A Melk visitiamo l’imponente abbazia benedettina fortificata che domina  la città.

3^ tappa: Da Wallsee a Schwanenstadt- km 100 circa. Primo tratto molto bello lungo il Danubio. Mattinata soleggiata ma fresca. Si va che è una meraviglia fino a Lienz. Da Lienz lasciamo la ciclabile Passau/Vienna in direzione Salisburgo. La ciclabile non è bella come lungo il Danubio fino a Wels poi riprende con tratti suggestivi prima attraverso la sterminata campagna e poi lungo il fiume Traun, immersi nella frescura della vegetazione fino alla meta odierna.

4^ tappa: Da Schwanenstadt a Salisburgo – km. 100 circa. Si riparte lungo un bel saliscendi, attraversando una serie di piccoli paesini in mezzo al polmone verde che abbraccia la zona intorno alla regione dell’Alta Austria, zona montuosa disseminata di laghi che sono davvero gioielli incastonati nelle montagne. Raggiungiamo il lago Attersee, il più grande del Salzkammergut e si continua con il lago Mondsee. Lasciati i bellissimi e freschi laghi, ci addentriamo nella campagna in un bellissimo saliscendi nei vasti e fioriti prati. L’arrivo a Salisburgo è con una lunghissima e panoramica discesa, attraverso un territorio rilassante tra le montagne da un lato e le dolci pianure dall’altro.

5^tappa: Da Salisburgo a Söllin Tirolo, km. 100 circa. Attraverso la bellissima valle Pillerseetal, usciamo dalle regione del salimburghese in un continuo sali e scendi attorniati da un impegnativo paesaggio alpino, con molte ripide salite e altrettanti discese ardite.

6^ tappa: Da Sölla Innsbruck, km. 85 circa.  Oggi il tempo si presenta nuvoloso e a tratti pioviggina, ma per fortuna molto poco. La giornata è fresca e si pedala con un ottimo ritmo su un territorio prevalentemente pianeggiante costeggiando il fiume Inn.. Arriviamo quindi a  Innsbruck, nel cuore del Tirolo. Circondata dalle montagne del Nordkette, la città è un vero gioiello: antichi palazzi e castelli si susseguono nel centro e nelle alture circostanti, dando vita a un quadro d’insieme davvero suggestivo.

7^ tappa: Da Innsbruck a Chiusa, km 100 circa.Stamattina siamo partiti verso Brennero al confine italiano. La strada in salita si inoltra nella vallata alpina regalandoci panorami unici. Dal passo del Brennero si scende in picchiata fino a Vipiteno. Il percorso prosegue alternando discese ripidissime e salite altrettanto impegnative fino a Bressanone e poi Chiusa dove ha termine la tappa di oggi.

8^ tappa: Da Chiusa a Trento, km 100 circa.Si prosegue lungo la ciclabile della Valle Isarcocosteggiando il fiume in uno dei suoi tratti più suggestivi.Le gallerie illuminate accompagnano tratti spogli a ridosso della montagna:  Si passa per Bolzano e si prosegue lungo la valle del fiume Adige e la sua pianura erbosa. Ci fermiamo per la visita di Egna con i suoi portici e terminiamo la giornata a Trento.

9^ tappa Da Trento a Bassano del Grappa, km 100 circa.Tra boschi e frutteti, una pista ciclabile unisce il Trentino e il Veneto, è la ciclovia della Valsugana. Partiamo da Trento seguendo la strada urbana che ci porta prima a Pergine Valsugana e poi a Borgo Valsugana, capoluogo della valle e caratteristica cittadina. Pedaliamo per le vie del centro storico, fino alla vivace piazza del mercato. Qui ricomincia la pista ciclabile.A fianco a noi c’è sempre il fiume Brenta che rende il paesaggio ancora più bello e rilassante. Il sentiero è semplice, ma le emozioni non mancano: il paesaggio cambia spesso, siamo circondati da meravigliosi boschi e i paesaggi sono arricchiti dalle affascinanti montagnee dai frutteti colmi di mele La pista ciclabile termina a Cismon del Grappa, da qui seguiremo una strada secondaria abbastanza tranquilla che ci porterà a Bassano del Grappa

10^ tappa: Da Bassano del Grappa a Venezia, km 75 circa.
Ultimo giorno di viaggio su un itinerario abbastanza ciclabile e su strade secondarie,  fino a raggiungere il sentiero degli Ezzelini; da Castelfranco a Venezia segue all’inizio il Muson dei Sassi, poi in buona parte la via Castellana.Arrivati a Mestre si segue il percorso, solo a tratti ciclabile, fino all’imbocco del ponte lagunare che ci farà entrare con una comoda ciclabile direttamente  ed emozionatamente a Venezia, dove ha termine la nostra ciclovacanza.

 

Related posts

Basilicata Sasso Selvaggio

Basilicata Sasso Selvaggio

Sasso Selvaggio Da Matera alle Piccole Dolomiti Lucane e ritorno, passando per alcuni dei paesaggi più incredibili e meno conosciuti dello stivale. Fino ad arrivare tra boschi e calanchi, dove secondo Carlo Levi Cristo si è fermato. A guardare Per la maggioranza degli italiani...

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Pedalando tra il Canal del Ferro Val Canale e la Carnia

Con partenza dalla piazza di Carnia si pedala fino a  Moggio Udinese si imbocca la Val Aupa, iniziando a risalire l'omonimo corso d'acqua, pedalando sulla tranquilla SP112, che ci porta verso Pradis . Il primo tratto della vallata si percorre facilmente, attraversando...

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini

La meraviglia dei vecchi mulini: alcuni sono arrugginiti, ma a Reana lo storico “Segàt” è ancora produttivo Alcuni sono fermi e preda della ruggine, altri girano ancora, anche se soltanto a beneficio degli occhi. I mulini di Reana del Rojale, non sono più il regno di mugnai e fabbri. Con...

Leave a comment